Investire in Vietnam

Il Vietnam è un paese del sud-est asiatico, confinante con la Cina e che dalla Cina ha ereditato una crescita economica prossima al 10%.

Il Paese nell’ultimo triennio (2013-2015), è cresciuto ad un ritmo superiore al 6% annuo, e, si prevede, crescerà  dal 6,5 al 7% anche nel biennio 2016-2017.

In Vietnam  è in atto un processo di liberalizzazione dei settori economicamente influenti quali infrastrutture, trasporti, telecomunicazioni.

Questo processo, al di là delle enormi potenzialità di sviluppo economico e di occasioni commerciali per l’Europa, dà il senso dell’attuale atteggiamento del paese, orientato ad agganciare la crescita economica cinese, conseguenza  del processo di globalizzazione in atto.

L’interesse dell’Europa è confermato dall’accordo di libero scambio concluso tra Hanoi e Bruxelles, che dovrebbe entrare in vigore nel 2018, e  che rimuove il  99% dei dazi esistenti su base reciproca.

Infatti l’allora Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale Gentiloni incontrava a novembre 2016 il Ministro degli Esteri vietnamita Pham Binh Minh: obiettivo 5 miliardi di interscambio  nel prossimo biennio; per leggere l’articolo, clicca http://www.esteri.it/mae/it/sala_stampa/archivionotizie/comunicati/2016/11/italia-vietnam-gentiloni-incontra.html

Perché investire in Vietnam:

  • E’ un mercato di 90.000 consumatori.
  • La chiusura di accordi bilaterali con la Ue renderanno ancora più snelli i rapporti commerciali con questo paese.
  • E’ prevista una crescita di circa il 7% per tutto il 2017 ( stesso livello di crescita della Cina).
  • C’è grande disponibilità di manodopera a basso prezzo.
  • Il ceto medio è ormai la parte predominante della popolazione, con conseguente aumento del potere di acquisto.
  • Il neo Presidente americano Trump ha recentemente confermato la sua opposizione al TPP,il  Trattato di libero scambio che coinvolge dodici nazioni affacciate sull’Oceano Pacifico. In tal caso l’Ue diventerebbe l’unico referente commerciale del Paese Asiatico.

Ottima occasione per l’Italia che ad oggi è il secondo partner commerciale nella Ue e che sta ulteriormente intensificando i propri rapporti con il Vietnam.

I settori più appetibili per il made in Italy

  • Abbigliamento
  • Agroalimentare
  • Tessile
  • Chimico

 

Il nostro studio legale può seguire i propri clienti nella verifica  delle condizioni per investire in Vietnam attraverso joint venture, apertura di società in loco  o nella gestione di rapporti con imprese già radicate sul territorio.

Contattaci:

 

http://www.armanolawfirm.com/contatti/

Spread the word. Share this post!